venerdì 30 marzo 2007

Finalmente...LIBERO!

Oggi ho levato il tutore alla mano destra dopo un mese e sedici giorni.
Logicamente non sapete nulla, mi sembra anche giusto...vi racconterò tutto, a modo mio.

13 febbraio: Frattura distale sottocapitata del quinto metacarpo della mano destra.
Lastra al CTO di Roma: mi consigliano l' intervento chirirgico. FUGA A GAMBE LEVATE previa doccia gessata di tutta la mano e avambraccio. Ho firmato e me ne sono andato.

14 febbraio: Visita ortopedica, grazie alle conoscenze del mio BOSS da un suo amico chirurgo. Taglio del gesso e indossamento dello split dinamico (assai più comodo e funzionale del gesso)

21 febbraio: Lastra di controllo: DISASTRO! Visita dal chirurgo: RIDUZIONE MANUALE DELLA FRATTRURA SENZA ANESTESIA!!! CHE DOLOREEE!!! Rimodellamento dello split dinamico.

07 marzo: Lastra di controllo. Frattura ben ingranata: La manovra di riduzione ha funzionato...!!!

21 marzo: Lastra di controllo. Callo osseo in formazione.

30 marzo: Visita dal chirurgo: ELIMINATO LO SPLINT!!! Lo metterò solo per dormire e se devo fare qualcosa di pericoloso.

Conclusione: se le teste di bambu del CTO riducevano la frattura manualmente la mano ora era apposto. Sicuramente rimarrà un piccolo bozzetto all'altezza della frattura e speriamo nient'altro. Farò una serie di sedute di TECAR e LASER come fisioterapia, logicamente me le farà mia sorella (fisioterapista) e giocherò con la pallina di gomma...come i cani.

PS: Grazie al Prof, Adri e Paolo, mia sorella e la mia picchietta (che faranno Santa!!!)
PPS: Il motivo della frattura? NO COMMENT

mercoledì 28 marzo 2007

Ipaq hx2750 + Holux Gpslim 236

Non c'è verso *_*
Far funzionare il mio palmarino via bluetooth con il gps dell'Holux 236 è impossibile!
Ho preso in prestito l'Holux di mia sorella, tanto per provare un GPS bluetooth e in caso sostituire il mio Haicom 303S su slot Compact Flash.
Dopo ore e ore di prove e ricerche su internet arrivo alla conclusione che lo stack bluetooth della Broadcom lo vede ma non è in grado di aprire una porta COM.
Il problema sembra presentarsi solo con alcuni palmari brand HP...almeno a detta del produttore.
Non soddisfatto ho scritto ai signori della HOLUX lamentando il problema...mi risponderanno O_o ?

Nelle varie ricerche ho scoperto che l'Holux 236 può essere interfacciato con la PSP, appena possibile provo con la mia...ehehehe...un utilizzo si trova sempre...
http://www.dcemu.co.uk/vbulletin/showthread.php?t=30035

lunedì 26 marzo 2007

Sakura - 花見 -

La fioritura è già iniziata e io non ho avuto minimamente il tempo di andarla a vedere!!! ;_;
Non dico in Giappone, sarebbe troppo!!!
Abito a Roma e lavoro ad un passo dal laghetto dell'EUR. Una scheggia di Tokyo è proprio qui!
La passeggiata del Giappone costeggia l'intera lunghezza del laghetto, accompagnata da 1000 ciliegi, biachi e rosa, donati dalla città di Tokyo.
Certo, il laghetto dell'Eur non sarà come i Giardini di Shinjuko, ma mi accontento.
L'idea era di passeggiare e fare un pò di scatti con la mia fedele Nikon D80, godersi la giornata e rilassarsi.
Lo scorso weekend sono stato incasinato ed il tempo è stato anche brutto, confidiamo nel prossimo...sempre che non sia troppo tardi...

"Lo spettacolo appena cominciato sta già per finire, i fiori cadranno nel breve spazio di una settimana e sarà un sollievo perché un simile trionfo di bellezza non può essere sopportato a lungo dallo sguardo umano."
Kenko XIV secolo

domenica 25 marzo 2007

Nuova Smart

Ieri e oggi presentano la nuova Smart.
Da smartista volevo andarci, ma avevo altri impegni e ho dovuto rinunciare purtroppo.
Vorrei cambiare la mia vecchia (87000KM) smartina del '99 e concedermi quella nuova, ma ho molti dubbi. In particolare le dimensioni maggiorate...20 cm in più vuol dire addio ai parcheggio perpendicolari e scatti fugaci in mezzo al traffico...ehm cosa dite? Non sono cose che si fanno? Beh ogni tanto...e io che abito a Roma tra traffico e assenza totale di parcheggi...
La colpa è tutta degli americani: per mettere la Smart nel mercato americano hanno dovuto aumentare le dimensioni, affinchè superasse i crash test...ma non potevano fare una versione europea e una americana? >:(
Per il momento mi accingo a farmi il tagliano da solo alla mia...(raccontrerò tutto appena l'avrò fatto) nella speranza che tenga duro ancora per un bel po'.

Fantasticando cmq, la vorrei così: (potete regalarmela, avete tutte le info!!!)

Smart For Two Coupè

passion, 33 kW / 45 CV diesel cdi, motore turbo common rail, 799 cm3, (incl. filtro antiparticolaro)

Consumo di carburante in ciclo misto:3,3 l/100km
Emissioni di CO2 (ciclo misto):88 g/km

Prezzo base
12.920,00 €

Cellula di sicurezza tridion nero
bodypanel in deep black
Colore dei rivestimenti: design beige

Dotazione di serie

Motore

33 kW / 45 CV diesel cdi, motore turbo common rail, 799 cm3, (incl. filtro antiparticolaro)
Consumo di carburante in ciclo misto:3,3 l/100km
Emissioni di CO2 (ciclo misto):88 g/km
softouch: programma di cambio automatizzato e funzione kick-down commutabile su softip
Filtro antiparticolaro

Sistemi di controllo della dinamica di marcia/Sistema frenante

Sistema antiblocaggio (abs) con ripartitore elettronico della forza frenante
Frenata assistita idraulica
esp - sistema elettronico di controllo della stabilità con AAS
Impianto frenante a doppio circuito con servofreno

Esterni

bodypanel in deep black
Tetto panoramico (schermo parasole incl.)
Guscio retrovisori esterni & mascherina frontale in argento
Cellula di sicurezza tridion in nero o argento

Interni

Volante in pelle a 2 razze incl. pomello del cambio in pelle
Elementi decorativi "pearl grey", "pearl red" oppure "pearl beige"; in tinta con il colore del rivestimento
Inserti in tessuto nella plancia degli strumenti, rivestimenti delle porte e parte inferiore plancia; in tinta con il colore del rivestimento
Specchietto di cortesia nell'aletta parasole del passeggero
Sedile passeggero con schienale reclinabile a 180º
Portaoggetti
Portaoggetti lato conducente, accanto al volante e nelle porte
Copertura bagagliaio avvolgibile, rete incl.
Scomparto moneta
Vano portaoggetti nel portellone

Comandi e strumentazione

Strumentazione con display multifunzione
Indicatore temperatura esterna e segnalazione pericolo gelo
Impianto audio/Sistema di navigazione
Predisposizione autoradio (incl. antenna ad asta, 2 altoparlanti)

Sicurezza

Fari fendinebbia
Sensore crash per attivazione automatica luci d'emergenza
Zone e componenti a deformazione predefinita anteriori e posteriori
Airbag conducente e passeggero fullsize
Set antipanne
Sedili a sicurezza integrale
Cinture di sicurezza con pretensionatore e limitatore della forza di ritenuta
Cellula di sicurazza tridion
drive lock - chiusura centralizzata automatica in marcia

Funzione/dispositivi elettrici

Climatizzatore con regolazione automatica della temperatura (filtro antipollini e polvere incl.)
Presa 12 Volt
Alzacristalli elettrici (funzione sollevamento/abbassamento rapido)
Indicatori di direzione con funzione comfort
Tergilunotto con funzionamento a intermittenza e automatico tergi/lava
Tergicristalli comfort con intermittenza in funzione della velocità e funzione automatica tergi/lava
Sbloccaggio lunotto con telecomando della chiave comfort a 3 funzioni
Chiusura centralizzata con telecomando e immobilizzatore

Dotazioni speciali

Servosterzo elettrico (eps) 470,00 €

Cassetto portaoggetti, con serratura 30,00 €

Strumentazione supplementare (contagiri & orologio) 145,00 €

Antifurto 300,00 €

Airbag laterale testa/torace 315,00 €

Ruote in lega leggera a 5 razze (16") con pneumatici: ant. 175/50 R16; post. 215/40 R16
(costi di montaggio e dei pneumatici non inclusi)


Prezzo complessivo:
14.180,00 €

PS: ho trovato anche il nome da dargli: BACAROZZO! *_*


venerdì 23 marzo 2007

Japanese Restaurant Rome


Dopo anni e anni (in pratica tutta l'adolescenza) passati tra pizzerie e pub sono scoppiato! resiste solo McDonalds...
Lo scoppio avvenne almeno 7 anni fa e decisi di volger lo squardo ad altre mire culinarie.
In primis il ristorante cinese: cucina assai variegata, saporita e prezzi bassissimi. Ancora oggi una delle mie mete preferite.

Negl'ultimi anni, forte di uno stipendio (*_*) sono passato al ristorante giapponese.
Mai scelta fu più azzeccata (culinaria) e sbagliata (economica) allo stesso tempo.
Abitando nella Capitale le scelte non mancano, notando con piacere la crescita di tale ristorazione: sempre tutto pieno e diverse nuove aperture.
La fortuna è anche dalla mia parte: 2 ristorani giapponesi sotto casa mia e 1 sotto casa della mia ragazza. Tutti nel raggio di 500m!!!
La sperimentazione inizia con:

Bishokukobo
Via Ostiense 110/B
tel. 06/5744190


Il locale è ereditato da una vecchio locale italiano, se non ricordo male. All'entrata abbiamo la tipica vetrina con esposti i piatti del menu realizzati in plastica. Si tratta di un' anteprima visiva di quello che sono i menu, giusto per farsi un idea...
Il locale non è molto grande, proprio per questo i camerieri/e, rigorosamente giapponesi, sono molto presenti. I piatti, curati sì, lasciano intravedere a volte un tocco genuino. Consigliato il ponte. Un vassoio a forma di ponte con sopra una varietà sushi,sashimi, uramaki, temaki tempura & co.
voto: 6.5

Sushisen
Via Giulietti, 19/B
Tel: 065756945
Orario: 12.30-14.30 19.30-23.00
Chiusura: lunedì
e-mail: info@sushisen.it
website: www.sushisen.it

Il mio preferito come ambiente e cucina.
Ormai è un bel po' che ha aperto.
Ristorante con kaitenzushi.
Oltre i classici tavoli con il cameriere/a che ti serve, è possibile mangiare al kaitenzushi, ovvero un lunghissimo tapis roulant con sopra tutto il menu che scorre sotto i vostri occhi. I due cuochi che vedete in foto cucinano in tempo reale davanti a voi e preparano i piatti da far scorrere sul tapis roulant, basta allungare il braccio e prendere quello che più ci aggrada.
I piatti hanno colori diversi, ad indicare costi diversi, a seconda del cibo. A fine pasto si fa il conto e via...€€€
Vantaggi: rapidità, si contengono i costi, è un modo anche per socializzare essendo tutti affiancati.
Svantaggi: attese per sedersi interminabil se si arriva tardi. Non è possibile prenotare al kaitenzushi, ma solo ai tavoli.
Perciò: prenotate se volete i tavoli e arrivate presto per il kaitenzushi!!!
Il cibo è ottimo, il sushi freschissimo, da accompagnare sempre con dell'abbondante sake freddo! Qui consiglio la barca dell'amore da 2 o 4 persone. Un vassoio a forma di barca con il meglio del menu del ristorante.
voto: 8

Miyabi, Ashai Kaiten Sushi
Via Ostia 22, Roma
Prenotazioni TEL: 06.39724419

Questo è dalle parti della mia ragazza.
Zona Ottaviano, in una traversa di via Leone IV. Il locale è molto curato e raccolto. Ha il kaitenzushi (moolto piu piccolo di quello del Sushisen), e una sala fumatori (io non fumo). Quest'ultima ha i tavoli con la tipica fossa per le gambe, poichè il pavimento è rialzato ed il tavolo è quasi allo stesso livello.
Qui non ho ancora provato il kaitenzushi.. Tra l'altro di recente hanno accorciato il kaiten per mettere altri tavoli. I camerieri sono molto gentili (e quando mai trovi un giapponese maleducato!!!). Molto stuzzicanti dei fagiolini da sbucciare che servono da antipasto. Prendo spesso il takosu (piovra, alghe, aceto) e Unagi Maki (anguilla).
Voto: 7

Personalmente non mi faccio mai mancare una ciotola di riso, aiuta a riepire lo stomaco e la zuppa di miso, che fa sempre bene.

Restano altri locali giapponesi che non mi sento di raccomandare perchè non sono VERI giapponesi, ma più asiatici...

Bene, non resta che dirvi: Itadakimasu!

PS: se conoscete un locale che fa bene gli Okonomiyaki...SCRIVETE!!!

giovedì 22 marzo 2007

Appartamento a Tokyo

La voglia di andare in Giappone è tanta.
Il problema fondamentale è il dover sistemare una serie di questioni ancora aperte (temporali ed economiche) ;_;
Intanto l'appartamento l'ho trovato: Tokyo->Akihabara->Taito, Taito-ku.
Akihabara, il quartiere dell'elettronica. E dove sennò? L'hi-tech più hi che c'è lo trovi qui.
Tempo di permanenza come minimo un mese, ma mi accontento anche di 15gg...
L'idea è quella di avere Akihabara come base e girare con i superveloci e puntuali treni per le mete fondamentali del Giappone (ancora da scegliere).

Questa è la pianta:
Per appartamento si intende un monolocale (anche meno), non una casa vera e propria.
Poco più di 20mq...più che sufficienti per me...e qualcun'altro.
Non avrebbe senso una casa vera, sarebbe spazio sprecato e spesa inutile.
E' come se fosse una camera d'albergo, ma con l'angolo cottura; molto più semplice da gestire: in fondo deve essere un luogo per dormire e lavarsi. Per tutto il resto c'è la grande Tokyo, tutta da scoprire: inutile stare a casa ^_^
Il wc è diviso dal bagno vero e proprio. Così come l'entrata è un angolo a parte, tipico giapponese: pavimento ribbassato e scarpiera.
C'è anche la connessione Wi-Fi gratuita, perfetto per chiamare e chattare con skype e msn dal mio fedele palmare (ipaq hx2750).

Prezzo: 126,000 Yen circa 800 Euro per un mese, diviso 2 (mica ci vado da solo *_*), il prezzo è mooolto buono. Restano poi le spese per il volo A/R (1200 Euro c.a.) e la sopravvivenza (non ne ho idea!!!). Tirando le somme, per tutto ci vorranno almeno 4000 euro, se non di più, credo.
Vedremo cosa ci riserva il futuro...

mercoledì 21 marzo 2007

Malato

Malato, sì. Di troppe cose.
Le elenco? Meglio di no.
Se il blog resiste (Ahhh siamo appena all'inzio *_*) scoprirete le mie malattie... (ma a chi può interessare?)

Tra le ultime quelle per i DORAMA (DRAMA), made in Japan, derivanti da manga e/o anime (fumetti e cartoni animati, per i profani).
I drama sono dei veri e propri telefilm. Attori in carne ed ossa che recitano, in questo caso, storie tratte da anime e manga famosi.
Tra gl'ultimi in visione DENSHA OTOKO, ma sto fremendo per MAISON IKKOKU.
Cosa dite? Se capisco il giapponese? CERTO! Ahahah, ancora no, sfortunatamente.
Sono sottotitolati in italiano, da gruppi di "malati" ancor più gravi di me.
Tra i MOVIE, sempre con attori veri, è molto bello NANA, avete presente l'anime che va in onda su MTV alle 22.00 tutti i martedì? ^_^
Vado, ho i subtitle che mi aspettano...


lunedì 19 marzo 2007

L'inizio

Tutto ha un inizio, ma poi è così vero?
Nella regola che nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma possiamo mettere anche il pensiero umano?
La necessità di espressione oggi si modifica, per me, e passa anche nel web. Perchè?
26 Anni, di cui 17 davanti a PC, Commodore & CO e tutto quello che funzionava a corrente elettrica e pensava "solo" con uno zero e un uno....
Forse perchè vivo nel cyberspazio da ormai 16 anni e di cose ne ho viste tante, forse troppe: facciamone parte...
...a modo mio...